Salta il contenuto
Orario di Aperetura Dal Lunedi Al Sabato Dalle 09:30 Alla 19:30 Domenica Chiuso. per info Contattaci su Whatapps 3290405828
Orario di Aperetura Dal Lunedi Al Sabato Dalle 09:30 Alla 19:30 Domenica Chiuso. per info Contattaci su Whatapps 3290405828

Campana

Sold out
€55,00 - €55,00
€55,00
€55,00 - €55,00
€55,00

 

Campana del Vajra e Vajra Dorje

Nel Buddismo Vajrayana, la campana e il dorje sono inseparabili, a significare vacuità e forma indivisibili o compassione e saggezza, gli elementi necessari per intraprendere il cammino verso l'illuminazione.

La campana e il dorje sono strumenti rituali comunemente usati per le pratiche tantriche - nella ripartizione più elementare che rappresentano saggezza e metodo (compassione). Il loro uso insieme rappresenta l'illuminazione perché combinati simboleggiano il matrimonio e l'equilibrio della dualità.

La campana (drilbu) è tenuta nella mano sinistra e simboleggia il vuoto, la saggezza e l'aspetto femminile. Il suono e la forma della campana cava indicano il vuoto, o la vera natura di tutte le cose. Comprendendo e accettando la natura “vuota”/vera di tutte le cose, diventiamo liberi dall'attaccamento e quindi siamo liberati dalla sofferenza. Nell'immagine è data la rappresentazione di varie parti di drilbu.

Il nome dorje deriva dalla parola tibetana per diamante che conferisce al dorje il significato di indistruttibilità. Il dorje (vajra) è tenuto nella mano destra e incarna il metodo, la forma e l'aspetto maschile. Il termine metodo esprime la compassione che porta al sollievo della sofferenza, all'eliminazione dell'ignoranza e, infine, all'illuminazione. Un dorje più comunemente (ma non sempre) è costituito da 5 punte su ciascuna estremità. La rappresentazione delle parti del dorje è data per una facile comprensione. Dorje dovrebbe essere usato correttamente. Lega un filo sul bordo più lungo e usa quello sempre rivolto verso l'alto, altrimenti stai mettendo la rappresentazione di 5 Buddha maschi sotto.

Dalla rappresentazione si può capire quanto siano sacri questi due oggetti e debbano essere curati adeguatamente.